26 ottobre, 2017

il Rinascimento giapponese agli UFFIZI



 la natura nei dipinti su paravento dal XV AL XVII secolo

 dal  3 ottobre 2017 al 7 gennaio 2018

 Aula Magliabechiana ,

 galleria delle statue e delle pitture degli Uffizi

nel 150 anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia.

Galleria degli Uffizi

                                               tra le più amate dai cittadini dl mondo  che conquista, già prima di entrare per i suoi giochi architettonici di archi, per le nicchie, ognuna contenete una statua di un grande, Galleria  che ogni giorno diviene palcoscenico su cui artisti contemporanei si cimentano nella musica,  nell’ arte del mimo trasformandosi in statue immobili a somiglianza di quelle collocate nelle nicchie in-per un gioco dove la statua è vera e l’ artista la imita; dove tempo e spazi all’ infinito coincidono perché l’ arte getta ponti ed unisce come in questa mostra che propone, per la prima volta in Europa, i paraventi pieghevoli e le  porte scorrevoli prestate  da musei, da templi e dall’ agenzia per gli affari culturali del Giappone.  39 pezzi di grandi dimensioni  tutti realizzati  su carta  esposte in vetrine climatizzate, 13 alla volta in tre rotazioni.

 Il tema del paesaggio-  della natura fa da principe ed è presentato, sia  usando un solo colore, tecnica  legata alla filosofia Zen  e alla cultura cinese, opere predilette dai Samurai per decorare le loro dimore  o collocate nei templi  perché questo tipo pittura monocroma, realizzata con linee essenziali, tracciate con gesti veloci  eleva verso l’ alto in una solo parola evoca. A queste si affiancano  opere a fondo  oro  e piatte campiture di colore su cui  compaiono elementi naturali, panelli che incontrarono  il gusto  di aristocratici e borghesi che le misero  nei propri  castelli e palazzi ,  non mancano i dipinti della tradizione Kano dove l’ artista “dipinge” il mutare della stagioni sempre attraverso l’elemento dei fiori, delle piante: dal salice piangente,( che nella sue movenze richiama all’ eleganza femminile ) ai ciliegi,  al bambù  e fa volar  uccelli.

Un cantico d’ amore dove gli artisti sono riusciti a portare su carta il loro amore il loro rispetto per il Creato tutto  che conduce per mano il visitatore in un percorso a ricongiungersi  a quel legame con la natura che ognuno ha dentro di noi  occidentale o orientale in questa mostra per questo percorso ci ritroviamo  uniti nell’ alito del volo, nella delicatezza del petalo  per- in un anelito che  testimonia la nostra naturale tendenza all’ armonia  dentro ed intorno a no, quel desiderio di pace in un “volo” dove spazio e tempo all’ infinito coincidono: fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza" …

un viaggio dove  ci riconosceremo  anelli di una catena giammai disgiunti permanentemente transitori eppur diretti verso l’ eternità, piccoli piccolissimi eppur parte di una immensità tutto su carta !

il catalogo della mostra “ Il Rinascimento giapponese” è di  - Giunti Editore.

 Produzione e gestione della mostra Opera Laboratori Fiorentini-Civita

sito web www.gallerieuffizimostre.it
 Carmelina Rotundo

Nessun commento: