02 maggio, 2018


Genesi

 Queste sono le origini dei cieli e della terra quando furono creati. Nel giorno che Dio il SIGNORE fece la terra e i cieli,  non c'era ancora sulla terra alcun arbusto della campagna. Nessuna erba della campagna era ancora spuntata, perché Dio il SIGNORE non aveva fatto piovere sulla terra, e non c'era alcun uomo per coltivare il suolo;  ma un vapore saliva dalla terra e bagnava tutta la superficie del suolo. Dio il SIGNORE formò l'uomo dalla polvere della terra, gli soffiò nelle narici un alito vitale e l'uomo divenne un'anima vivente.

                                                                            ARIA

 lasciandoci trasportare dall’ aria percorsi   geografici, per mostre, per letture, per convegni per….……  L’aria così invisibile,  così importante. L’aria, il vento, il mitico Eolo dell’antica Grecia hanno attraversato le ere e i tempi  ora portando lontano i  pensieri per incontrarsi su altri paralleli e meridiani , ora  raccontando paesaggi, o …..

Una Grotta del vento si trova a Fivizzano in provincia di Lucca

CANNE AL VENTO è il titolo di un i romanzo di Grazia Deledda.

Il vento negli stornelli:FIOR DI FRUMENTO/LA CAMMINATA TUA MI PIACE TANTO:QUANDO CAMMINI TU CAMMINA IL VENTO. E parlando di ARIA non si può fare a meno di  menzionare  chi  del volo nell’ aria ha fatto la sua professione:

  l’Aeronautica Militare italiana

                                                  che  celebra i suoi 95 anni di vita, con una straordinaria   mostra alla Galleria delle Carrozze in via Cavour 3  che presenta  una carrellata di 50 pannelli, di  11 modelloni  di velivoli, l’   antica divisa con mantello e tute di volo  tra cui quella del tenente colonnello  Mario  Naldini  capopattuglia della pattuglia acrobatica.   In “volo”  sul pianeta  in numerose aree  le foto creano un percorso  su  le  imprese dei pionieri del volo, i record raggiunti, dai sogni di uomini e piloti valorosi e le trasvolate. (La  Regia Aeronautica prima, Aeronautica Militare, oggi forza armata nasceva il 28 marzo 1923 con il Regio Decreto n° 645. per contrastare le minacce verso l'Italia e assicurare il rispetto dei principi di legalità internazionale e dei diritti fondamentali dell'uomo ). 95 anni di vita caratterizzati dalle grandi imprese aviatorie dei pionieri,  dai progressi delle capacità espresse e dall'impegno quotidiano di uomini e donne che, con il loro contributo, hanno giorno dopo giorno testimoniato  la storia e l'identità della nostra Forza Armata  .Il compito principale - come ben evidenziato dai diversi video che documentano le varie attività dell’ aeronautica  compresa una dimostrazione della frecce - assegnato all'Aeronautica Militare è quello di difendere lo spazio aereo italiano da qualunque violazione, prevenendo e neutralizzando gli eventuali pericoli provenienti dal cielo e  di offrire il supporto alle missioni di pace fuori dai conflitti nazionali, alle missioni umanitarie. Molte  le capacità e molti altri  i settori di impiego che l'Aeronautica Militare mette al servizio dei cittadini, tutte rappresentante all'interno della mostra ( fruibile fino al 24 giugno ad ingresso gratuito con orario continuato 10-18  )  ricordiamo il soccorso aereo, i trasporti sanitari d'urgenza, i trasporti in alto bio-contenimento per pazienti altamente infettivi, il servizio meteorologico, il controllo del traffico aereo, fino alle spettacolari acrobazie delle gloriose, quanto apprezzate in tutto il mondo, Frecce Tricolore, vero vanto  dell’ ITALIA . Coinvolgente  il percorso storico relativo all'Istituto Scienze Militari Aeronautiche, ex scuola di guerra aerea, che da 80 anni ha sede alle Cascine del capoluogo toscano. E,   volando nell’ aria come non accennare a Leonardo  la cui  genialità è riproposta ( dopo il  grande successo ottenuto nel 2017), fino al 7 ottobre 2018  a  Santo Stefano al Ponte.  Nella  nuova edizione di Da Vinci Experience  , sono i mostra  numerosi modelli delle macchine leonardesche - a grandezza naturale e in scala – riprodotti minuziosamente sulla base dei progetti originali dagli artigiani dell’antica bottega fiorentina Martelli; tra questi, l’ala per il volo umano di nove metri di apertura . Leonardo  monte Ceceri da dove si dice che  un  allievo di Leonardo  tentò il primo volo umano l'avevo visto davvero e più'volte con padre Innocenzo Colosio, un altro genio dell'umanità ,dal balcone del convento di San DOMENICO di FIESOLE. Sempre su  Leonardo   la Fortezza di Montepulciano ospita la mostra dal titolo Leonardo da Vinci. Anatomie: macchine, uomo, natura, curata da Paolo Galluzzi.  L'esposizione  promossa dal Comune di Montepulciano e dalla Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano, su progetto del Museo Galileo di Firenze, con l’organizzazione di Opera Civita. accende un riflettore sul genio Leonardo mettendo in luce proprio uno degli aspetti più innovativi dell’opera di Leonardo, per il quale macchine, corpo umano e natura sono governati dalle medesime leggi universali: idea che trova espressione in una serie di magistrali disegni che segnano la nascita della moderna illustrazione scientifica Dopo una sezione introduttiva, che propone una ricostruzione dello studio di Leonardo, il percorso espositivo si articola in sezioni dedicate all’anatomia delle macchine, agli studi sul corpo umano, alla geologia e all’architettura.Il percorso si chiude con i disegni che illustrano il dispositivo ideato da Leonardo per l’allestimento teatrale dell’Orfeo del Poliziano, affiancati dal modello tridimensionale della macchina scenica. Il desiderio di volare è nato con l'uomo è per quel senso di liberta' che mi piace viaggiare in aereo. Quando sono tra le nuvole si realizza il mio sogno di volare e tra  voli più' belli quello da Roma ad Helsinki, volo tutto in the rainbow, essere nell'arcobaleno vivere un tempo lunghissimo nei suoi colori mi ha ispirato un racconto , superbamente illustrato da Yvonne Di Palma.  Richard  Bach che,  prima di essere uno scrittore, è stato pilota riservista nell’aeronautica militare degli Stati Uniti, ha collaborato alla redazione di manuali tecnici per la Douglas Aircraft Company e, infine, è stato pilota acrobatico e da questa passione nascono i desideri di volare, e di volare davvero, del gabbiano Jonathan.La cui storia ruota intorno alla vita di Jonathan Livingston, dai suoi primi esperimenti acrobatici fino al raggiungimento della perfezione. Jon, infatti, non è un gabbiano come tutti gli altri:«La maggior parte dei gabbiani non si danno la pena di apprendere, del volo, altro che le nozioni elementari: gli basta arrivare dalla costa a dov’è il cibo e poi tornare a casa. Per la maggior parte dei gabbiani, volare non conta, conta mangiare. A quel gabbiano lì, invece, non importava tanto procurarsi il cibo, quanto volare. Più d’ogni altra cosa al mondo, a Jonathan Livingston piaceva librarsi nel cielo.» tra  gli scrittori anche  Vanna Bonta (Firenze, 3 aprile 1958- Los Angeles, 8 luglio 2014[2])  romanziera, poetessa, attrice e doppiatrice statunitense è  famosa  per essere l'autrice di Flight: A Quantum Fiction Novel, un romanzo di fantascienza che ha introdotto la quantum fiction come genere letterario emerso nel XXI secolo Una grande opportunità per la comunità scientifica mondiale di divulgazione e di  vicinanza ai problemi climatici  e quindi alla qualità dell’ aria che respiriamo  è stata  offerta dall’’ International Conference on Ozone and Plant Ecosystems  2018,  alla sua seconda edizione  e che , si conferma come una delle più importanti e qualificate occasioni a tutela della qualità della vita  sul  nostro pianeta MENTRE LA fondazione franco Zeffirelli di Firenze e il Museo  Anatolij Zverev di Mosca  nella Sala  della Musica nel complesso di San Firenze  ospita  fino al 31 luglio”  Un volo su Solaris”  che  si ispira al film di  Andeej Tarkovski  regista tra i più intriganti del Novecento  che meglio si comprende  inquadrandolo a  partire dalla fine degli anni ’50 del XX sec  in Russia quando   compare una variegata compagine di artisti cui si deve una sorta di rinascita delle arti figurative che ha aperto a nuovi orizzonti  tutto reso possibile  dal cosiddetto vento del cambiamento che accompagna la gererazione  cresciuta dopo la seconda guerra mondiale.

 carmelina rotundo

 

Nessun commento: