18 febbraio, 2014

per FLORIAN parole per FOTO

..... tendiamo alla felicità, la ricerchiamo tutta la vita:
 sentirsi parte di una immensità in armonia in sintonia,
 riuscendo a cogliere note dentro di noi ed intorno a noi, potrebbe portarci
 alla     ?




Il  belvedere di Firenze non è silenzioso lo sento
 " toccato" dai cinguettii, dal chicchirichi del gallo
 che saluta l' alba:
 la balaustra del piazzale Michelangelo, l' Arno, i palazzi , il nastro d' asfalto, le colline,
 le 5 righe del pentagramma su cui
 si aggiungono le note di campane che salgono al cielo;
  lo sguardo ripercorre profili della Cupola del Brunelleschi,
 accarezza  i marmi verdi e bianchi e rosa delle facciate delle chiese fino
 a far riapparire  operosità di mani sapienti,  l' animazione dei cantieri
 che seppero render unica Firenze
 regalandole tesori di colori, forme, di linee,
  piccoli, piccolissimi
permanentemente transitori
 eppur parte di una immensità
 uniti nel tempo e nello spazio perchè
 anelli di una catena giammai disgiunti
quando dove tutto è presente!



l' ORA
QUANDO LE COLLINE SONO ANCORA AZZURRE
 cercando o vivendo l' orizzonte tra campagna e città,
immersi in cori di cinguetti e  chicchirichi del gallo mentre le campane intonano uno scampanio, prima sommesso poi, sempre più forte di una Firenze in cui si stanno spegnendo le luci dei lampioni per lasciare all' astro diurno  di prendere il primo posto in cielo

 all' alba al Piazzale Michelangelo
in una solitudine che è immensità:
i nostri corpi nel cinguettio e nel chicchirichi del gallo,
i nostri sguardi su una Firenze che si va svegliando al tocco del coro di campane: alle mie spalle si vanno spengendo i lampioni
mentre le colline piano, piano perdono gli azzurri.


L' armonia del Creato in sintonia col battito del cuore
e i segreti si svelano    uccellini,  il gallo, insieme
al tocco di campane Firenze la bella si distende sull' Arno e ti conquista.

La forza della  vita:
uccellini cantanti , il gallo che dà la miglior prova del suo chicchirichi.
le campane  una intera orchestra sta corteggiando i tetti di Firenze e le sue meraviglie dalla cupola del Brunelleschi, al campanile di Giotto... tutto li' a portata di mano quando spazio e tempo nell' infinito coincidono!




Innamorarsi di Firenze
tra  voli e cinguettiI , tra uno scampanio  ed il canto del gallo  e,
mentre i lampioni si spengono nel cielo arriva lui Il sole  in uno spettacolo sempre unico.. non ci si abitua mai alla bellezza ed ogni alba è diversa dall' altra..
questi coppi  dei tetti color cotto cosi' vicini al cielo..ora le colline stanno per lasciar la magia deli azzurri per ridiventar verdi


 nessuno sa per quali sentieri sconosciuti la bellezza arriva al cuore
 e  ami, ami l' ora in cui la notte si lascia corteggiare dal giorno:
un battito di cuore che è il tuo, dentro di te  e che è negli uccelllini che cantano sui rami degli alberi ora completamente spogli e nel chicchirichi del gallo e nel suono delle campane e nello specchiardi di Firenze nell ARNO per l' eterna domanda
 chi è la più bella del reame?
Nessuno sa....
carmelina rotundo tra fantasia e realtà
esiste un ventaglio che, di quando ,in quando,
si chiude è quella l' ora in cui i sogni
                             diventano veri

Nessun commento: