11 maggio, 2014

Il giardino di SANTA MARIA NOVELLA

 Alla bellezza non ci si abitua mai ed ogni giardino è una scoperta!

 E' la bellezza a parlare quieta nell' espandersi di questa sfilata di rose rosa, parata bellissima- sontuosa delicatissima: sembra quasi che i petali facciano a gara per attrarre lo sguardo, mentre la sinfonia si espande su tavolozze di verdi, bianchi di margherite con l' appassionata  direzione d' orhestra dei verdi delle lanceolate foglie degli ulivi dai tronchi arabescati. Per il percorso scopro la Balsamite major ascolto il mormorio della fontana bella elegante costeggio il laghetto, respiro bellezza profumi che giungono direttamente alla mente- al cuore con una potenza dolcissima soave d' amore; in alto il buon Dio ha profuso tavolozze  di celesti- azzurri dove navigano nuvole bianche a bambagia, mi piace  a piedi nudi  camminare sull' erba  ammirando  gli alberi da frutto a candelabro  di Cavina nella meraviglia del giardino di SANTA MARIA NOVELLA da dove lo sguardo si allontana verso Firenze, una Firenze senza rumori e senza peccato dolcissima bellissima.

 Il limone di fronte a me mi riporta lontano nel tempo, nei luoghi;
 lo sguardo si perde nell' atmosfera creata da questi ulivi e
nel passeggiare incontro volti, voci  e godo nel vedere  fragole rosse  belle,
 erbe officinali,
 nel sentine i profumi
 ritorno,  accarezzando con lo sguardo la scenografica sfilata di rose di Roberto Cavina,
 fino alla scoperta della rosa Novella profumata,  la pace l' amore sotto gli ulivi ,
la mia preghiera di lode per tanta bellezza concessaci!
Son preziosi i doni del Creato tutti ed ogni giorno copiosi !

Nessun commento: