11 gennaio, 2016

PAPA FRANCESCO a Firenze


 

 NASCE all’ alba dopo un riposo tranquillo il desiderio di andare da lui, da FRANCESCO……

……...Quando Gesù chiese ai suoi discepoli: “La gente chi dice che sia il Figlio dell’uomo?”….

 Ore 6.30 di mattina

sto andando da Lui al Duomo per toccargli la veste perché porti nei cuori l' amore e pace in terra …..

 La donna ha sentito parlare di Gesù e tenta di aprirsi un varco fino a lui. Pensa: “Ah, se riuscissi a toccare l’orlo della sua veste, sarei guarita!” La donna si avvicina tutta tremante, tende la mano e, furtivamente, sfiora con le dita, come una preghiera, l’orlo della veste di Gesù.  All’istante, è guarita. Lo sa, lo sente in se stessa. Le scompare il dolore, la gioia sostituisce la sua disperazione.

 Figliola, la tua fede ti ha salvata; va’ in pace». (Luca 8:42-48)

 

C’è il rumore del mare oggi in Cattedrale e i raggi del sole stanno riportando  i colori delle vetrate:

 blu a  larghe campiture rosa verdi  di fronte a me;

 grigi e bianchi giocano in architetture con archi e colonne;
 l’ organo, la robbiana alla mia sinistra …….  sulla  balaustra, alla mia destra, i ricami di  petali di fiori hanno dentro la luce artificiale:
   Incontrarsi e rincontrarsi:

 i nostri antenati tutti presenti nel silenzio del tempo da Zuccari, Brunelleschi .. Giotto, Dante … il Dio della sapienza…….. alzo lo sguardo oltre l’ inferno ..la gloria del Cristo e nella   lanterna penetra il cielo………. i                   nostri cuori riuniti in nome della AMORE E DELLA LUCE  il

                                    NOSTRO SANTO PADRE  FRANCESCO ARRIVA A FIRENZE

 nella gioia la preghiera i canti .. che vanno prendendo il posto al rumore del mare….. le teste degli alti prelati al di là  in cerchio nell’ altare


Genesi 1,26-28


26 E Dio disse: «Facciamo l'uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra….

                                                   ……… alito di vita….

27 Dio creò l'uomo a sua immagine;
a immagine di Dio lo creò;
maschio e femmina li creò.

…………………………………………………….tu sei il mio Creatore…….

………………………….. valorizzazione dell’ incontro nell’ incarnarsi e farsi uomo

 

  l’ altare della cattedrale di SANTA MARIA DEL FIORE  come una

                                                 “ conchiglia” è nel mare

 sotto la luce della lanterna…..

 28 Dio li benedisse e disse loro:
«Siate fecondi e moltiplicatevi,
riempite la terra;
soggiogatela e dominate
sui pesci del mare
e sugli uccelli del cielo
e su ogni essere vivente,
che striscia sulla terra».

……………………….. Ho tante carezze ancora da donare.

 Nell’ ascolto ci stringiamo uniti attenti  per poter dare piena collaborazione gioia

Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona. E fu sera e fu mattina: sesto giorno….                                

…………………bussate e vi sarà aperto

                                                   GESU’ che da’ se stesso, Dio che invia il suo figlio non per condannare, ma

                                                                                    per salvare il mondo

 

 umiltà

 disinterEsse,

 uscire da noi stessi per accettare qualsiasi sfida  e giocarla sulla capacità di donare.

 Nelle beatitudini il Signore ci indica il cammino  dove -quando possiamo arrivare all’ autentica felicità  per riconoscere la ricchezza della solidarietà nel sacrifico quotidiano è necessario avere il cuore aperto all’ ascolto e attenzione;  non dobbiamo essere ossessionati  dal potere;

 non una chiesa chiusa preoccupata di essere al centro

 sapere  che le tentazioni esistono per affrontarle  portare ad avere fiducia nelle strutture ;

 esploratori  della navigazione in mare aperto mai in difensiva nel timore di perdere qualcosa.

                            mi sono fatto debole per salvare  dice il SIGNORE

 il fascino di una fede FRANCESCO dall’ ALTARE lo presenta in  San Francesco, Don Camillo e Beppone….

        sono un povero vicinanza alla gente e preghiera da soli non andiamo da nessuna parte

………………….. che cosa vogliamo fare che cosa ci stai chiedendo di fare ?

spetta a voi decidere popolo e pastori insieme:

 Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi ..

le beatitudini ci aiuteranno a vivere la vita da cristiano a livello di santità e la grazia  di capire sperimentiamo la letizia  e sarà il gregge a sostenerv

i morto e risorto tutto il popolo e il pastore inclusione della chiesa  inclusione sociale  dei poveri mistero della salvezza ricca di speranza al servizio della carità

 FRANCESCO ha ricordato l’ uso delle madri, che abbandonavano il  figlio sulla ruota  agli INNOCENTI,  di  regalare la  medaglia spezzata a metà…nella speranza di riconoscere un giorno il figlio…..  abbandonato………..

                                Dio  riconoscerà tutti i suoi figli abbandonati

 navigazione  per  cercare dentro

 discutere insieme, arrabbiarsi insieme

 pensare all’ inclusione del dialogo

 dialogo  costruire insieme  fare progetti non da soli e senza paura di capire fino in fondo

 opera collettiva in permanente costruzione,

 che nessuno disprezzi la vostra giovinezza

 vi chiedo di essere costruttori

 di mettervi al lavoro liberi di vivere  cambiamenti e trasformazioni

 uscite e tutti quelli che incontrerete sulla strada i più deboli  accoglieteli costuite

 piazze ed ospedali da campo una chiesa più vicina ai dimenticati

                                             padre nostro


 …. La” conchiglia” sta  salpando  per la navigazione  saldi nella fede parte di una immensità,

                dell’ immensità dell’ amore e tutte le corde del cuore all’ unisono:
                   il mare dei respiri

  il colore la luce è per tutti noi  chiamati da PAPA FRANCESCO  a far parte di questo equipaggio

 

   seguono i canti ………vivaci che ci riportano all’ allegria

 


 Allo STADIO

i colori delle vetrate ora- qui “ricostruiti”  da ognuno di noi.

                                  Azzurri, celest,i gialli di fronte a me  a formare mari,

  anche io ne faccio parte

  noi persone

 la Vergine dimora casa di Dio, Rosa Mistica, fortezza inespugnabile,  Stella del mattino, Rifugio dei peccatori,  Consolatrice degli afflitti,  Regina degli angeli,

 vesti bianche con copricapi rossi

 l’ orizzonte  qui  è il cielo,

 colori:  vita,  musica

“ ritorna il mare”

 questa voglia di volare ritornano i voli nei panuelos bianchi- gialli- rossi

                                         il potere dell’ amore Francesco

 Con  fede e raccoglimento coraggiosi costruttori di vita

come le sirene trafiggono la quiete…. la voce di Cesare sono le 15,35 chiede aiuto non sta bene

  Quando Gesù chiese ai suoi discepoli: “La gente chi dice che sia il Figlio dell’uomo?”….

  Amore senza confini che si fa servizio generoso una umanità dove chi serve è il più grande

 promuovere sempre il bene e l’ accoglienza fraterna

 ombrelli bianchi e gialli sotto cui poter ricevere la comunione guidati a scoprire la ricchezza di vita seguendo esempi:

                                    don Giulio Facibeni, Giorgio la Pira, Don Lorenzo Milani

 



 
CATTEDRALE DI SANTA MARIA DEL FIORE FIRENZE



Il PAPA ci richiama al primato dell’ educazione

 la cura dell’ altro nella carità, all amore gratuito della carità

ringraziamento ai carcerati che hanno realizzato l’ altare …

“per favore vi chiedo di pregare per me”

  nell’ umiltà, l’ ultimo degli ultimi

                            PAPA FRANCESCO degno successore di PIETRO

  

 ti voglio bene perché  ci hai riportato all’ amore , ci hai reso partecipi,

                                     la fede ci salverà  Carmelina e Cesare ,   

      furtivamente ho  sfiorato con le dita, come una preghiera, l’orlo della TUA veste bianca.

 la  fede  ci ha  salvati

”va’ in pace»”. (Luca 8:42-48) andate in pace

 10 novembre 2015  con il sole- con amore- con la gioia nel cuore-  con te FRANCESCO , CON  TE GESU’…….

Nessun commento: